La ricerca degli archetipi

Posted: 24th novembre 2014 by postitmistery in Esoterismo
Tags: , , ,
archetipisimboli

“My God, is full of stars!”

di Nisaba e Mnemosine

Questa ricerca convulsa delle tracce di uno stesso personaggio mitologico in culture in cui non è nato sembra essere diventata, sopratutto negli ultimi tempi, qualcosa di vitale e importantissimo ai fini di… ai fini di che cosa, esattamente? Per avere la riprova comprovata che tutte le civiltà erano unite e discendono da un’unica cultura mondiale di epoca pre-diluviana? Sia l’intento che il metodo sono condivisibili, ma visto attraverso gli occhi di un esoterista questo sforzo appare un po’ impacciato.
Di base la teoria calza perfettamente: trovi sempre lo stesso gruppo di figure in tutte le mitologie, gli stessi simboli e le stesse storie, quindi puoi supporre a ragione che non si tratti solo di invenzioni della mente, ma di qualcosa con una base più “storica”. Read the rest of this entry »

Ermetici vs Esoteristi

Posted: 24th novembre 2014 by postitmistery in Editoriale
Tags: ,

mercurioermetismoesoterismodi Nibiru, Nisaba, Mnemosine

Il titolo di questo articolo è sbagliato. È concettualmente sbagliato. No, Pseudonymous Bosch non si è impossessato di noi, ma il titolo per una volta vuole essere provocatorio e non corretto.
Siamo partiti da questo titolo perché qualcuno ci ha fatto notare che noi di Post-it non abbiamo determinate idee “ermetiche” e non abbiamo fatto una determinata scelta (quella di nascondere quello che sappiamo sotto grandi parole, preferendo spiegarci sempre nel modo più chiaro possibile – anche rischiando di essere logorroici) perché siamo “esoteristi” e non “ermetici”. Come se la differenza fra queste due categorie sia il modo in cui ci si esprime, come se l’esoterista fosse gola profonda e l’ermetico avesse la colla in bocca. Beh, no, non è proprio così! Read the rest of this entry »

Parole al vento

Posted: 23rd novembre 2014 by postitmistery in Editoriale
Tags: , , ,

di Nibiru, Nisaba, Mnemosine

interstellar2001odisseanellospazioSiamo andati a vedere Interstellar, spinti da tante recensioni positive. Dal trailer a noi sembrava di una banalità mostruosa e, sebbene su questo un po’ ci siamo ricreduti, il film è stato comunque deludente. Siamo usciti di sala invocando fantascienza (perché, caspita, Interstellar è un drammone in salsa sci-fi, non un film sci-fi in senso stretto!) e sceneggiature logiche. I fratelli Nolan sotto questo punto di vista si sono dimostrati carenti, complici un paio di dialoghi piuttosto senza senso.
Ma la cosa che ci ha stupiti di più – che avevamo previsto, in misura limitata, ma che mai avremmo pensato aver avuto così tanta presa – è stata l’enorme attenzione che l’ambiente “misterico” ha dato al tema portante del film e alle idee che lo circondano.
Ogni opera – romanzo, film, sere tv, film d’animazione,… – può nascondere significati reconditi, messaggi “criptati” solo per “iniziati”. Eh sì, qui le virgolette si sprecano. E perché questo? Perché quando qualcuno cerca strani messaggi, li trova. Anche se non ci sono. È la stessa cosa che avviene quando si parla di messaggi subliminali: a volte chi li cerca si convince che ci sono anche dove non ci sono! Per questo, affrontando questi temi, affermando che un’opera nasconda misteriosi significati, bisogna sempre tentare di non prendersi troppo sul serio. Cioè, ben venga il notare le cose e condividere l’osservazione, ma è preferibile non eccedere. Perché potrebbe non esserci nulla. Potrebbe essere solo una questione di autoconvincimento. Addirittura, si potrebbe aver travisato qualcosa.
Read the rest of this entry »

di Nibiru

Pietra del SoleMercoledì 5, oltre ad una meravigliosa conferenza organizzata dall’Università degli Studi dell’Insubria sul tema “Scienza & Fantascienza” (cercate il palinsesto e se potete partecipate: è strafica!), abbiamo preso la decisione di partecipare anche ad un secondo incontro, organizzato da GNOSIS Samael Lakhsimi Italia. Il titolo prometteva benissimo, quindi abbiamo pensato bene di fare un piccolo sforzo e prendere parte. D’altro canto, “Gli Aztechi – Teotihuacan, dove gli uomini diventano Dei” sembrava promettere molto bene.
Invece è stata una conferenza che stentiamo a definire tale, sia per la sommarietà con cui è stata curata, sia per il fatto che di Aztechi e Teotihuacan, nonostante l’ora di tempo a disposizione, si è parlato molto poco. Aggiungo il fatto che non sono una persona che sta serena quando il relatore continua a guardare l’orologio, mi pone profondamente a disagio pensare di star ascoltando qualcuno che sembra non vedere l’ora di tornarsene a casa propria. Read the rest of this entry »

Fantascientificamente

Posted: 12th ottobre 2014 by postitmistery in Editoriale
Tags:

di Nisaba

sferedidysonPer me la fantascienza è sempre stata una delle tanto agognate lande del sogno, ma a differenza del fantasy o dei miti la ho sempre percepita come qualcosa appena dietro l’angolo – e per questo più vicina, più tangibile e più fondamentale. La fantascienza è un genere letterario e filmografico, ma è anche una cultura: la cultura delle possibilità scientifiche. Read the rest of this entry »

Perché farsi sentire?

Posted: 12th ottobre 2014 by postitmistery in Editoriale
Tags: , , , ,

di Mnemosine

vforvendetta

Come dice le cose Nibiru, non le dice nessuno. Oggi è polemico (e quando mai), a scuola lo hanno fatto arrabbiare (e quando mai). Comunque, ha ragione.
Il nostro “Creatore” ci ha graziati di un profondo articolo di polemica (e non solo, vista l’interessante riflessione), in cui mette alla berlina l’élite. Cavolo, che strano, quando mai! Quando mai lui serba simili pensieri!
Comunque…
Da un lato ci siamo noi, gli eretici, gli alternativi, gli “incompetentiperchénonlaureati”, che ci facciamo un mazzo quadro senza un ritorno economico e sempre impegnati a cercare le pubblicazioni più inculate (vedi Peserico, vedi Furlani, vedi tutti i libri che molti di noi e voi sono sicura hanno nelle loro case), a spendere fior fior di quattrini perché la carta, nonostante tutto, è ancora il metodo migliore di ricerca… e tutto per cercare di arrivare alla cosa più simile alla verità sia raggiungibile da noi miseri esseri umani.
E dall’altro lato, ci sono loro, i professoroni, gli accreditati, gli “assolutamentecompetentiperchénoilalaurealaabbiamo”. Gli indiscutibili. Che non hanno bisogno di spaccarsi la schiena per far vedere la luce alle loro idee, che non hanno bisogno di sbattersi per trovare le pubblicazioni, gli studi, raggiungere altri che condividano le loro idee. Né hanno difficoltà a domandare ad altri esponenti dell’establishment, perché ne fanno già parte.
Oh, no, non pensate che il problema siano la fama o i soldi. Read the rest of this entry »

di Mnemosine e Nisaba

stonehengenewhampshireGiustamente ad inizio pomeriggio abbiamo postato sulla pagina facebook un articolo sulla “nuova stonehenge” inglese, nel Kent, e ora ci troviamo a dare qualche informazione riguardo alla “stonehenge americana”. In America ci sono due siti che corrispondono a questa definizione. Il primo si trova in Georgia ed è composto da quelle sei lastre su cui un buontempone (suggerisce Mnemosine) ha fatto incidere le direttive che avrebbero dovuto guidare l’umanità da quel momento in poi se l’intenzione generale era quella di continuare ad abitare il pianeta Terra a lungo. Non sappiamo chi esattamente le abbia commissionate, ma sappiamo che sono del 1979, quindi ben poco interessanti ai fini archeologici. Read the rest of this entry »

Le stesse feste, per tutto il mondo

Posted: 12th ottobre 2014 by postitmistery in Esoterismo, Religione
Tags: ,

di Nisaba

ruotadellannoSe si prendono in esame i culti antichi, che per capirci sono quelli definiti “pagani”, e li si pone a confronto con i culti moderni, ci si rende conto che i secondi hanno riutilizzato la maggior parte delle date delle festività dei primi. Le feste stesse hanno per lo più conservato il proprio simbolismo, venendo trasposte da un culto all’altro senza mai subire un vero cambio. Read the rest of this entry »

Di sangue reale

Posted: 12th ottobre 2014 by postitmistery in Mitologia
Tags: , , ,

di Nibiru

anunnakiLa storia – antica, moderna o contemporanea – ci insegna a riconoscere l’importanza del sangue reale, e delle stirpi di sangue, attraverso quella lunga serie di eventi storici che hanno coinvolto le monarchie e i regni di ogni tempo.

L’idea che i regni debbano tramandarsi dai genitori ai figli è molto antica, visto che già presso i sumeri era presente, ma non sappiamo se fosse la prassi durante la preistoria più antica. Non sappiamo se le tribù di Neanderthal e di Cro-Magnon già trasmettevano il comando sempre alla stessa famiglia, ma in effetti ha poco senso parlare di questa eventualità in quanto quelle tribù erano esse stesse una famiglia di persone: è solo con la nascita dei primi agglomerati urbani che famiglie diverse si riuniscono nello stesso luogo e si trovano, dunque, a dover scegliere un capo. Ma come si è instaurata la prassi del lasciare il comando ad una precisa linea di sangue e non, per esempio, all’individuo più meritevole scelto di volta in volta? Sappiamo che presso alcuni luoghi, pochi se confrontati con la norma, era in vigore questo secondo tipo di successione. Concentrandosi sulla Sumeria, che è l’area di cui poi voglio parlare, siamo a conoscenza del fatto che le prime dinastie tramandavano il potere di padre in figlio, ma allo stesso tempo vi sono attestazioni – soprattutto provenienti da Ebla ed Uruk – che rendono esplicito come la sovranità non fosse trasmessa per via dinastica. Addirittura, esiste un testo chiamato “Rituale per la successione al trono di Ebla” che suggerisce in modo chiaro che il trono veniva trasmesso al nuovo re solo in virtù delle nozze con la regina, e questo mi fa ovviamente pensare all’Epopea di Gilgamesh, nella quale figurano le nozze sacre fra l’eroe e la dea Innana: è questa unione sacra a conferire a Gilgamesh la vera regalità. Read the rest of this entry »

Dov’è Atlantide?

Posted: 12th ottobre 2014 by postitmistery in Mitologia
Tags: , ,

di Nibiru

atlantidebolivianaDov’è Atlantide?
Ah-ha, basta questa domanda per aprire il vaso di Pandora. Solo che ad uscirne sono mille teorie e a restare sul fondo è la verità.
Eppure, fra le mille teorie che sono state scritte al riguardo, ce ne è un gruppo che trovo sempre più logico e coerente con un panorama preistorico diverso da quello che ci viene propinato. Panorama diverso, sì, ma che non è detto presupponga necessariamente di vedere in ogni anomalia l’intervento alieno. Basterebbe, per esempio, retrodatare la civiltà umana. Insomma, la prima città riconosciuta, Gerico, è datata 9000 a.C. e poi sono stati trovati grandi complessi, come Gobekli Tepe, che sembrano risalire almeno al 10’000 a.C. È davvero così strano pensare che la civiltà fosse sviluppata già a ridosso del Diluvio, prima e dopo il suo concretizzarsi? Non penso sia così incredibile. Che benefici accetterebbe sdoganare questa idea? Semplicemente quello di non aver più bisogno di allucinanti voli pindarici per spiegare determinate peculiarità archeologiche. Read the rest of this entry »